Crea sito

Recensione libro “Modelli per la moda” di Dennic Chunman Lo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Share on whatsapp

In questo articolo, scopri la recensione del libro “Modelli per la moda” di Dennic Chunman Lo. Troverai una breve descrizione dei singoli capitoli e alcune immagini. Usando un approccio tecnico-scientifico, questo manuale ti insegna a realizzare cartamodelli di base e personalizzati.

“Modelli per la moda” è un libro tecnico, che spiega il funzionamento della modellistica, ovvero la realizzazione di cartamodelli in piano, utilizzando un foglio di carta e prendendo in considerazione le misure del corpo umano. Nella recensione del libro “Modelli per la moda” troverai alcune informazioni utili per scegliere se acquistarlo o meno, e perché l’ho trovato utile.

Il libro è molto utile perché utilizza un approccio scientifico, mostrando come vengono realizzati diversi modelli di capi di abbigliamento. Inoltre, si avvale di nozioni riguardanti il sistema delle taglie, le attrezzature da utilizzare, e le tecniche più adatte per disegnare cartamodelli basici e come personalizzarli partendo dal modello base.

Approccio scientifico e nozioni utili - Modelli per la moda

Il manuale è composto di sette capitoli e si completa di un glossario, un indice analitico e una tabella delle misure.

Capitolo 1: Preparazione

Il primo capitolo introduce il lettore al mondo della modellistica e al principio fondamentale del buon senso. In particolare, quando si vuole iniziare un qualsiasi progetto occorre conoscere quattro elementi: le misure, il materiale, le tecniche e conservare una documentazione per catalogare i progetti.

Inoltre, questo capitolo spiega come funzionano le misure, sia internazionali che italiane, attraverso delle tabelle, nonché le caratteristiche dei tessuti.

Capitolo 2: Selezione e uso degli strumenti

Il secondo capitolo passa in rassegna gli strumenti necessari per padroneggiare la tecnica, dai curvilinei alle forbici, dallo scotch alle penne e gessetti. Anche se oggi esistono molti software per realizzare i cartamodelli, è fondamentale sapere usare questi strumenti anche manualmente: è un ottimo inizio per sviluppare meglio la tecnica.

Capitolo 3: Il modello base

Recensione libro modelli per la moda: Realizzazione di un corpino (illustrazioni, foto e disegni tecnici)

Il terzo capitolo è uno tra i più interessanti, in quanto considera i principali modelli di base adottati nella modellistica: la gonna, il pantalone, il corpino e l’abito.

Ciascun modello può essere adattato a seconda della vestibilità: aderente, semi-aderente o morbida. Inoltre, la scelta di una vestibilità piuttosto che un’altra può essere utilizzata strategicamente per comunicare un brand.

Dopo aver fornito le prime spiegazioni di base, il manuale spiega concretamente come realizzare i quattro modelli base, usando fotografie, disegni tecnici e illustrazioni.

Considerazione personale: per chi apprende le nozioni da solo e senza l’aiuto di un esperto, potrebbe trovare alcune difficoltà. Io per esempio non ho capito molto alcuni passaggi, come la realizzazione delle curvature del girocollo o del giromanica.

Capitolo 4: Realizzazione di modelli e tele

Per chi utilizza già Burda Style o Cartamodelli Magazine per realizzare le proprie creazioni, i concetti di questo capitolo saranno in parte conosciuti. Infatti, l’autore spiega come funzionano le tacche, i margini e i fori e altre annotazioni tecniche usate dai professionisti del settore.

Ancora, illustra il funzionamento della tela di prova e come regolarla per testare il proprio progetto e capire se il modello diesgnato può funzionare o meno.

Capitolo 5: Trasformazione della base in uno stile

Appena ho sfogliato il libro, la tentazione è stata di passare direttamente a questo capitolo. Infatti, in queste pagine Dennic Chunman Lo prende in esame molti aspetti interessanti, tra cui:

  • come aggiungere o eliminare delle cuciture ai cartamodelli di base;
  • come spostare le pince (mi ero posta questa domanda già nel capitolo precedente, quando ho provato a realizzare il mio primo corpino),
  • come sostituire le pince con delle cuciture,
  • come aggiungere pieghe e volume ai propri capi.

Prosegue per affrontare poi tematiche che sono ancora nuove e complesse per me: colli e aperture e così via. Su questo tema, vi consiglio di guardare qualche video di Sara Poiese, una youtuber molto brava e preparata sugli argomenti.

Capitolo 6: Modelli di ispirazione

Leggendo queste pagine, si sogna un po’. L’autore, in partnership con altri stilisti esplora nuovi cartamodelli innovativi e minimalisti, rivelando alcuni trucchi interessanti.

Capitolo 7: Modellistica e tecnologia

Come anticipato all’inizio di questo post, il libro affronta anche la tematica della digitalizzazione: oggi infatti, il lavoro nella modellistica prevede l’utilizzo di software informatici che consentono di alleggerire e sveltire un lavoro che richiede molto tempo.

Essendo edito del 2011, questo libro non riporta le ultimissime innovazioni sul campo, che si potrebbero invece apprendere frequentando un corso specialistico. Tuttavia, è comunque molto utile per conoscere meglio i cartamodelli da un punto di vista scientifico e per capire, a livello base, il funzionamento e la scelta dei tessuti.

Se vuoi scoprire altre recensioni di libri sul fashion, scopri questi articoli:

Libri di moda: recensione di “Modabolario” di Antonio Donnanno

Recensione di “Moda. La storia completa” edito da Marnie Fogg

condividi questo post
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.